Il progetto Haven è un progetto multidimensionale derivato dal progetto “Sun” e si prefigge come obbiettivi la riduzione dello stato di povertà nei Paesi in via di sviluppo (Psv), la riduzione dei flussi migratori dai Pvs come conseguenza della riduzione della povertà, la diversificazione dei finanziamenti, dare maggiore impulso alle autonomie locali e quindi alla decentralizzazione e, infine, la lotta alle organizzazioni criminali che sfruttano i migranti.

I progetti sono suddivisi per obbiettivi e verranno implementati da diverse Ong tra le migliori al mondo. Il ruolo di Secondo Protocollo è quello di controllare che i progetti vengano implementati seguendo le linee guida del progetto Haven così come riportate nel documento “linee guida del Progetto Haven”. Sempre di competenza di Secondo Protocollo è il controllo capillare dell’uso dei fondi elargiti dai donatori internazionali alle Ong che implementano il progetto. Unici progetti seguiti direttamente da Secondo Protocollo sono quelli relativi all’insegnamento dei Diritti Umani nelle scuole primarie e secondarie e il progetto relativo alla riduzione del digital divide (Ubuntu Africa Open Connection).

I paesi attualmente interessati dal progetto Haven sono: Uganda, Rwanda, Repubblica Democratica del Congo, Sudan Meridionale, Etiopia, Kenya, Zambia, Tanzania e Repubblica Centrafricana. Nei prossimi mesi dovrebbero aggiungersi Ghana, Burkina Faso, Guinea Bissau e Gambia.

Le Ong interessate a partecipare al Progetto Haven possono inviare richiesta via fax al numero 06-62204038 inserendo i propri dati e il settore di loro competenza nonché lo Stato tra quelli compresi nella lista riportata sopra, nel quale intendono implementare il progetto. Le linee guida del Progetto Haven sono scaricabili dal link sottostante.

{filelink=1}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts