Opinioni

Il virus è tra di noi… e non è quello cinese

Fondamentalmente ho sempre creduto di rispecchiarmi in molti punti nella destra liberale e progressista e ho sempre immaginato che andando più a destra ci fosse solo l’abisso dell’estremismo.

Ne ho avuto la riprova ieri quando estremisti di destra spinti spudoratamente e in maniera criminale da Donald Trump, hanno attaccato Capitol Hill, il centro della democrazia americana.

E ho avuto la conferma che l’estrema destra è uguale in ogni parte del mondo quando opinionisti italiani di destra, travestiti come sempre da moderati, hanno cercato di giustificare quei criminali che assaltavano il tempio della democrazia.

Lo so, il benaltrista adesso dirà che i facinorosi ci sono anche a sinistra, cosa verissima, ma non ricordo di aver mai visto estremisti di sinistra attaccare armi in mano Capitol Hill.

Se non si capisce che ieri si è superato un limite invalicabile allora non dobbiamo avere paura del virus cinese, dobbiamo avere paura di quello italiano, di quello ungherese, di quello polacco e soprattutto di quello americano.

Io non penso nemmeno che sia populismo. Cosa significa populismo? Questa gente non è populista, non è fascista o nazista. Non è nemmeno sovranista. Sono criminali, ducetti alla Orban o alla Erdogan che cercano di travestire un regime con gli abiti belli della democrazia.

Guardiamo in casa nostra. Che fine ha fatto la destra liberale e progressista? Guardiamo cosa è diventata la destra italiana divisa tra Salvini e la Meloni. Li senti parlare e ti sembrano tutti uguali. Persino il tono della voce è uguale, direi marziale.

Ecco, la destra di casa nostra rispecchia perfettamente la destra mondiale degli Orban, dei Bolsonaro e dei Trump, quella che ieri ha attaccato il tempio della democrazia. La destra di casa nostra è Capezzone, la Maglie, è Belpietro, Feltri e tutti gli altri pupi che fanno a gara con Travaglio & C. (dall’altra parte) su chi la spara più grossa.

Che poi, ripeto, è destra questa? Perché la destra è tutt’altro rispetto a questi estremisti, così come la sinistra rispetto a determinati movimenti più vicini al nazismo che alla sinistra intesa come tale.

Stiamo attenti, quanto successo ieri a Washington non è casuale, è un metodo di far politica con cui dovremo fare i conti anche noi in Italia.

Posted by
Franco Londei

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia

Tweet
Share
WhatsApp