Non potete rendermi simpatico Trump

By , in Blog Opinioni on . Tagged width: , , ,

Giusto per chiarire, considero Donald Trump lontanissimo dalla mia idea di Presidente degli Stati Uniti, non di meno né di più di quanto lo fossero Obama o la Clinton.

Trump non mi è simpatico, sempre imbronciato, perennemente incazzato. Mi ricorda un po’ Grillo con il parrucchino (non che Trump abbia il parrucchino, ma così sembra). Lo apprezzo per la stima che nutre verso Israele ma fondamentalmente la mia “passione” per lui si ferma a questo e a poco più. Per il resto rimango lontanissimo dalle sue idee politiche.

Però… c’è un però. Mi sono molto meno simpatici coloro che per ogni stronzata che succede al mondo è colpa di Trump. Uno scellerato fa un attentato in Canada contro una moschea e la colpa di Trump. Le donne scendono in massa in piazza contro la supposta misoginia del Presidente americano come non avevano fatto nemmeno per le donne Yazide. Le star di Hollywood protestano contro il razzismo di Trump dimenticando che il loro amato Presidente Obama solo nel 2016 ha espulso centinaia di migliaia di clandestini e che buona parte delle guerre in Medio Oriente che generano milioni di profughi sono la diretta conseguenza della disastrosa politica di Obama. Tra un po’ incolperanno Trump anche del terremoto di Amatrice. Mi ricorda un po’ quell’abitudine di dare le colpe di tutto a Israele, agli ebrei e al Mossad.

E’ questa gente che non riesce a digerire il fatto che gli americani hanno eletto democraticamente Trump che me lo sta facendo diventare simpatico. Paragonarlo a Hitler, come ho visto fare in questi giorni in rete, è semplicemente ridicolo. Trump non sarà uno stinco di santo ma avete idea di chi fosse Hitler? Non ho mai visto tanto accanimento verso una persona che, seppur discutibili, ha delle idee che lo hanno fatto eleggere alla Presidenza degli Stati Uniti e una volta eletto le mette in pratica, cioè fa esattamente quello che ci si aspetta da lui. Per certe persone Trump è peggio di un Maduro che sta affamando il popolo venezuelano, peggio del defunto Fidel Castro, peggio degli Ayatollah iraniani o degli imam sauditi. Siamo al ridicolo.

Lo ripeto, Trump non mi piace affatto, non mi fido di lui e non mi fido di tutte le promesse fatte su Israele. Lo voglio vedere alla prova dei fatti, quando cioè il gioco si farà duro. Ma da qui a considerarlo come Hitler o il responsabile di tutto quello che fanno gli scemi del villaggio globale ce ne passa. Già il fatto che ci ha scampato dalla Clinton dovrebbe bastare ad apprezzarlo almeno un pochino o quantomeno a dargli il beneficio del dubbio. Ma così i suoi contestatori rischiano davvero di renderlo simpatico.