Politica

Home Blog Politica Page 2

Le dichiarazioni di Casalino violano l’art. 336 del Codice Penale

Le dichiarazioni di Rocco Casalino nelle quali il “portavoce del portavoce” del governo giallo-verde minaccia ritorsioni sui dirigenti del MEF nel caso non facciano come vuole il Movimento 5 Stelle, violano in maniera palese l’art. 336 del Codice Penale e per questo la Procura di Roma dovrebbe aprire un fascicolo a suo nome.

Che senso ha parlare ancora di destra e sinistra? Salvini ha cambiato tutto

Ha ancora un senso parlare di destra e di sinistra nell’Italia di Salvini? L’alleanza tra Lega e M5S ha cambiato tutto, ha buttato all’aria tutte le variabili politiche, tutte le certezze ideologiche di buona parte degli italiani.

Ministro Toninelli, o fa i nomi o si dimetta. Basta stupidate

E adesso il ministro Toninelli non si creda di passarla liscia. Adesso deve fare pubblicamente i nomi di coloro che a detta sua hanno fatto pressioni interne ed esterne per impedire la pubblicazione degli atti e dei testi completi riferiti alla concessione da parte dello Stato di buona parte del sistema autostradale ad Autostrade Spa.

Un Paese con la necessità di tornare alla realtà

Siamo un paese nel quale la politica campa sugli slogan, sulle paure indotte e sui falsi problemi. Non ne sto facendo una questione ideologica. Anche se detesto Salvini e più ancora Di Maio, anche se sono lontanissimo dalle loro idee politiche, se quelle politiche facessero il bene del paese sarei il primo a gioirne e ad ammetterlo. Non sono uno sfascista, non mi piace il “tanto peggio, tanto meglio”.

Erdogan esce allo scoperto: «non esiste un Islam moderato»

Non esiste un Islam moderato. A scandirlo con chiarezza questa volta è il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan il quale durante una manifestazione dedicata all’imprenditoria femminile svoltasi lo scorso novembre in Turchia ha voluto mettere in chiaro che tipo di Islam prevale in Turchia.

Kyenge: tutta la sua inutilità in cinque punti (ma anche di più)

Uno spaccato di vita (un po’ lungo) più che una premessa: nel raggio di 500 metri da casa mia vivono una decina di famiglie extracomunitarie, una macedone, una pakistana e il resto sono marocchini e albanesi. Niente da dire su quella macedone, bambine educatissime che parlano perfettamente l’italiano (anche tra di loro e in casa), lavoratori, educati con tutti. I pakistani sono letteralmente chiusi su se stessi ma lavorano e i figli vanno a scuola. Estrema dignità anche se visibilmente poveri. Ma quando vado a vedere cosa fanno tutti gli altri, cioè l’80% delle famiglie extracomunitarie presenti nel raggio di 500 metri da casa mia, c’è di che rimanere interdetti.

Berlusconi e berlusconiani: un sussulto di dignità non guasterebbe

berlusconi

Una premessa: non sono mai stato berlusconiano ma non ho nemmeno mai avuto l’ossessione di Berlusconi. Ma di tanti difetti che ho non mi si può certamente accusare di avere simpatie di sinistra (una certa curiosità su Renzi che non mi sembra molto sinistro). Non mi sono mai interessato delle vicende puttanesche di Berlusconi ma solo delle sue politiche, e a riguardo avrei un paio di cose da dire ai berlusconiani senza se e senza ma, con calma e pacatezza, giusto per ispirare loro un pensiero e un dibattito calmo e serio.

Ius Soli: sette domande alla Boldrini

ius-soli-laura-boldrini

Premetto che, come ho già detto in altre occasioni, non sono contrario a priori allo Ius Soli. Ritengo però che, essendo la materia molto complessa e delicata specie per un paese di frontiera come l’Italia, non si possano fare generalizzazioni o continuare con questa litania senza spiegare cosa si intenda veramente con Ius Soli e come si intende proporre questa legge, perché se dovesse essere come quella che ha in mente il Ministro Kyenge  non posso non dare ragione a Maroni quando dice che sarà devastante per il nostro Paese.

Ius Soli: ecco come sarà la proposta della Kyenge. Un trabocchetto

Ius-Soli-kyenge-art-franco-14-05

Sullo Ius Soli c’è polemica, inutile negarlo. C’è chi lo vorrebbe puro, chi lo vuole regolamentato e chi non lo vuole per niente. Tra tutti il Ministro Cecile Kyenge che per accontentare tutti o quasi (non certo chi non la vuole) trova una via di mezzo semplicemente impresentabile.

Immigrazione: Cécile Kyenge Kashetu e lo Ius Soli

Cecile-Kyenge

Prima di tutto mi sento di condannare senza alcuna attenuante le offese rivolte al neo Ministro per l’integrazione e la cooperazione, Cécile Kyenge Kashetu. Quanto affermato da alcuni leader leghisti e da ambienti di estrema destra è del tutto obbrobrioso e indegno di un Paese civile.

1,595FansLike
629FollowersFollow
113FollowersFollow

Ultimi articoli

Io non ce l’ho con Salvini, è lui che ce l’ha...

Da più parti mi sono arrivati “rimbrotti” secondo i quali io ce l’avei con Salvini, mi hanno accusato di avercela con lui perché lo...