hezbollah-nasrallah-ashton

E’ notizia di poche ore fa: l’Europa inserirà il braccio armato di Hezbollah nella lista nera dei gruppi terroristi. Bene, bravi , bis. E’ cosa buona e giusta inserire il braccio armato di Hezbollah nella lista nera europea. Ma come distinguiamo il braccio armato da quello politico che alla fine controlla proprio il braccio armato?

Siamo di fronte all’ennesimo compromesso all’europea, o meglio, all’ennesimo compromesso alla Ashton, dove il confine tra braccio armato e braccio politico di Hezbollah è talmente labile che sarà praticamente impossibile distinguerne i dettagli.

Dicono che bloccheranno i beni del braccio militare di Hezbollah nei 28 Paesi dell’Unione Europea, ma non dicono come faranno a separare i beni e i conti del braccio politico da quello militare. Non lo dicono perché semplicemente è impossibile farlo. Non c’è distinzione tra braccio politico e braccio militare di Hezbollah. Uno è la mente, l’altro il braccio, ma fanno parte di un unico organismo terrorista.

E allora la decisione europea è solo un grandissimo bluff adatto agli allocchi che ci crederanno. In realtà il flusso di soldi ad Hezbollah non subirà alcun blocco, alcuna limitazione, tanto è vero che gli aiuti umanitari, formulina magica per sostenere gruppi illegali, non verranno affatto bloccati. E non basta. UNIFIL, forza ONU nel sud del Libano, non potrà fare niente per bloccare l’ala militare di Hezbollah così come è successo fino ad ora.

E allora a cosa serve la decisione della Unione Europea se non a gettare fumo negli occhi degli stolti creduloni?

La realtà è che Hezbollah è un organismo unico, con una unica testa, quella di Hassan Nasrallah, e una unica direzione, quella di Teheran. Il resto è tutto un grandissimo bluff creato a uso e consumo dei media occidentali e degli imperterriti creduloni.

1 Comment

  1. L’immagine è azzeccata, li vedrei come marito e moglie (una delle mogli).