L’Iran costruisce un nuovo enorme sito nucleare sotterraneo

foto satellitare sito iraniano natanz

L’Iran sta costruendo una nuova vasta rete di tunnel nel sito nucleare di Natanz, che potrebbe ospitare un massiccio impianto di arricchimento inarrivabile dalle bombe antibunker e impermeabile ai cyberattacchi, secondo quanto riportato giovedì dal New York Times.

Il rapporto afferma che gli Stati Uniti e Israele hanno monitorato la costruzione del sito per diversi mesi, ma si sono astenuti dal commentare pubblicamente, ad eccezione di una breve osservazione fatta il mese scorso dal Ministro della Difesa Benny Gantz.

«Proprio in questo momento, l’Iran sta compiendo uno sforzo per completare la produzione e l’installazione di 1.000 centrifughe IR6 avanzate nei suoi impianti nucleari, tra cui un nuovo impianto in costruzione in un sito sotterraneo vicino a Natanz», ha dichiarato il ministro, intervenendo a una conferenza presso l’Università Reichman di Herzliya.

I commenti pubblici di Gantz hanno sorpreso i funzionari statunitensi e israeliani. L’Iran non ha negato l’accusa, avendo precedentemente affermato che stava costruendo nuovi impianti in risposta agli attacchi al sito di Natanz attribuiti a Israele.

Le immagini satellitari pubblicate di recente da gruppi di ricerca mostrano che il nuovo impianto è vicino al vecchio centro di Natanz, ma sepolto molto più in profondità sotto una montagna, in modo simile all’impianto di Fordow. Gli sforzi per attaccare un simile sito richiederebbero i più avanzati bunker-busters, che Israele non possiede ancora.

Il rapporto ha osservato che gli americani e gli israeliani differiscono nettamente sulla gravità delle implicazioni della costruzione.

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno dichiarato al Times di aver seguito la costruzione per più di un anno e di non essere particolarmente allarmati.

Hanno sottolineato che la struttura, che si troverebbe in profondità sotto una montagna, non sarà pronta se non tra diversi anni dando agli americani il tempo di risolvere il problema con la diplomazia o con la forza in caso di necessità.

Essi ritengono che lo scopo principale della nuova struttura sia quello di sostituire l’impianto di arricchimento che è stato gravemente danneggiato in un sofisticato attacco dello scorso anno attribuito a Israele.

Sebbene, secondo gli americani, non abbia alcun ruolo nelle capacità iraniane di costruire un’arma nucleare nel prossimo futuro, Teheran sta usando il nuovo sito per fare pressione sugli Stati Uniti affinché facciano concessioni nei colloqui per il ritorno all’accordo nucleare.

I colloqui tra l’Iran e le potenze mondiali per rilanciare l’accordo nucleare del 2015 sono in fase di stallo.

Il vecchio accordo nucleare è crollato quattro anni fa quando l’ex presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti e imposto pesanti sanzioni all’Iran. Nel frattempo, l’Iran ha ampliato notevolmente il suo programma nucleare pur insistendo sul fatto che sarebbe per scopi pacifici.

«La massima priorità degli iraniani è usare la minaccia nucleare per ottenere concessioni, economiche e di altro tipo», ha dichiarato al Times il generale Kenneth F. McKenzie Jr.

I funzionari israeliani, tuttavia, vedono il sito in modo molto diverso.

Il rapporto del Times afferma che la costruzione del nuovo sito potrebbe essere alla base di quella che ha definito «un’accelerazione degli sforzi israeliani per ostacolare il programma», facendo riferimento a diversi recenti attacchi a scienziati e ingegneri iraniani imputati a Israele.

Il rapporto ha inoltre sottolineato che la costruzione del nuovo sito è iniziata in concomitanza con l’uccisione del padre del programma nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh, anch’essa imputata a Israele.

Nel suo recente discorso, Gantz ha affermato che all’Iran mancano solo «poche settimane» per accumulare materiale fissile sufficiente per una bomba.

«L’Iran continua ad accumulare conoscenze ed esperienze irreversibili nello sviluppo, nella ricerca, nella produzione e nel funzionamento di centrifughe avanzate» ha dichiarato Gantz.

«È a poche settimane dall’accumulare materiale fissile sufficiente per una prima bomba, detiene 60 kg di materiale arricchito al 60%, produce uranio al livello di arricchimento del 20% e impedisce all’AIEA di accedere alle sue strutture» ha aggiunto, prima di rivelare la nuova costruzione di Natanz.

Il rapporto ha citato diversi funzionari israeliani che ritengono che l’obiettivo finale dell’Iran sia quello di utilizzare l’impianto per arricchire l’uranio su vasta scala, utilizzando nuove centrifughe avanzate.

Secondo il Times anche i funzionari americani ammettono che il nuovo impianto è piuttosto grande e molto ben protetto.

Ma mentre l’attenzione dell’Occidente è concentrata sul programma nucleare iraniano, il generale McKenzie ha avvertito che la principale minaccia per il momento proviene dai missili balistici, dai missili da crociera e dai droni iraniani che ha definito «i gioielli della corona» di Teheran.

«È qui che hanno fatto passi da gigante negli ultimi cinque-sette anni» ha detto il generale McKenzie, «dove ora hanno realisticamente una superiorità nei confronti dei loro vicini». (Articolo in inglese)

xi jinping arrabbiato con putin

Ecco la politica cinese per il futuro. E non c’è la Russia

Dalle parti di Pechino si racconta che dopo la telefonata tra Xi Jinping e Vladimir Putin il Presidente…

You May Also Like