Stampa anti-israeliana: la sindrome di Ha’aretz

Ho copiato volontariamente un titolo da Honest reporting perché quanto avviene sui media internazionali in merito ai fatti che riguardano Israele si può senza dubbio definire “la sindrome di Ha’aretz”, cioè quella malsana usanza di diffondere notizie false e tendenziose  atte unicamente a screditare Israele.

Prendiamo l’ultimo caso eclatante di notizie false diffuse dai palestinesi, riprese prontamente da Ha’aretz e, conseguentemente, dai media internazionali, quella della morte di una donna palestinese, tale Jawaher Abu Rahma, 36 anni, che secondo Ha’aretz e secondo i palestinesi sarebbe avvenuta a seguito del lancio di lacrimogeni da parte dell’esercito israeliano (IDF) durante una manifestazione di protesta contro la barriera di sicurezza israeliana che tanti attentati ha evitato da quando è stata costruita. Ebbene, contrariamente a quanto riferito dai palestinesi prima, da Ha’aretz poi e dai media internazionali in seguito, la signora Jawaher Abu Rahma non è affatto morta durante quella manifestazione ma la poveretta è deceduta tranquillamente a casa sua a causa di una overdose di farmaci e per le conseguenze di una malattia (probabilmente la leucemia) per la quale la poveretta veniva curata.

La bufala, oltretutto, era talmente evidente che solo Ha’aretz poteva caderci. La notizia della morte della signora Jawaher Abu Rahma è arrivata il giorno dopo la manifestazione, quando cioè il suo corpo era stato precipitosamente tumulato senza nemmeno fare una autopsia. Il referto medico parla di “overdose di farmaci” e non di soffocamento da parte di gas lacrimogeni. I parenti della defunta hanno confermato che la signora non ha preso parte alla manifestazione. Invece Ha’aretz ha riferito che la donna era morta a causa di una particolare miscela di lacrimogeni usata dall’IDF composta da gas lacrimogeno e fosforo. Una balla colossale oltre che “chimicamente” impossibile.

Ho parlato di questo fatto solo perché di fatti del genere ne avvengono quotidianamente. Non esiste un solo giornale occidentale che verifichi la fonte delle notizie anti-israeliane. Le notizie vengono pubblicate così come arrivano dai palestinesi, le fotografie vengono tagliate in modo che facciano vedere qualcos’altro (quelle della freedom flotilla diffuse dalla Reuters ne sono un esempio lampante), nessuno si prende la briga di verificarle. Il fatto è che le notizie contro Israele tirano e fanno vendere. Se poi sono false poco male, i boccaloni che hanno abboccato sono ormai serviti. Noi la chiamiamo “sindrome di Ha’aretz”.

A tal proposito consiglio una lettura illuminante il “Dishonest Reporter Award 2010” che smaschera alcune (ma non tutte) le notizie false diffuse dalla stampa allo scopo di screditare Israele. Sarà una lettura molto interessante.

Sharon Levi

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.