Avete voluto i palestinesi? Ora risolvete il problema

By , in Blog Medio Oriente on . Tagged width: , , ,

Il popolo palestinese non è mai esistito, è stato creato solo ed esclusivamente in funzione anti-israeliana, solo chi ancora si ostina a volerli usare in quella specifica funzione o ci si arricchisce afferma il contrario. Ora però sono diventati un problema serio anche per gli arabi che non sanno più come gestirli.

Quando hanno creato i palestinesi insieme a loro hanno creato dal nulla anche una organizzazione dell’Onu totalmente illegale, la UNRWA, che invece che lavorare per diminuire il numero dei profughi lavora quotidianamente per aumentarli. Ne ha creati a milioni, li ha chiusi in campi profughi anche se assomigliano più a vere e proprie città, ha fatto in modo che chi nascesse in quei campi invece di avere la cittadinanza dello Stato che li ospita come prevede il Diritto Internazionale sia rimasto volutamente nel limbo degli apolidi creando una bomba umana che ora rischia di scoppiare in mano degli arabi, che siano essi libanesi, giordani o siriani.

In molti vorrebbero risolvere il problema trasferendolo a Israele con l’assurda pretesa di un fantomatico “ritorno” di questi milioni di finti profughi in “Palestina”, ma tutti si rendono conto che tutto questo è impossibile anche se continuano imperterriti a negarlo solo per avere un’arma in più in caso di negoziato. La soluzione più facile, che poi sarebbe anche quella in linea con il Diritto Internazionale, cioè dare a questi milioni di arabi apolidi la cittadinanza dello Stato dove sono nati e cresciuti, non viene nemmeno presa in considerazione fornendo così ai gruppi terroristi come l’ISIS milioni di potenziali reclute.

Il problema non può essere trasferito a Israele, sono la comunità internazionale e soprattutto gli arabi che lo hanno creato a doverlo risolvere. Avete voluto i palestinesi? Avete voluto milioni di apolidi? Adesso risolvete il problema. E’ questo che una comunità internazionale sotto attacco da parte del terrorismo islamico deve fare insieme agli arabi e non pretendere che sia Israele a risolvere un problema creato dagli altri. Troppo facile. E fa bene Israele ad essere inflessibile su questo punto, a Gerusalemme non possono e non vogliono prendersi sul groppone milioni di finti profughi cresciuti con l’odio verso lo Stato Ebraico quando avrebbero dovuto prendersela con i loro creatori che prima li hanno creati e poi li hanno trasformati in “esseri non esseri” buoni solo da usare come carne da macello. Che se li prendano loro.