Blog

Home Blog Page 5

Perché in un mondo quasi in pace solo il mondo islamico è in guerra?

In un mondo occidentale ormai quasi totalmente in pace dove fanno eccezione le crisi innescate dalla Russia nell’est europeo, il mondo islamico continua ad essere perennemente attraversato da guerre e da conflitti non sempre però riconducibili alla religione ma anche al controllo delle ricchezze a causa della cosiddetta “maledizione delle risorse” che evidentemente non interessa solamente l’Africa.

Un Paese con la necessità di tornare alla realtà

Siamo un paese nel quale la politica campa sugli slogan, sulle paure indotte e sui falsi problemi. Non ne sto facendo una questione ideologica. Anche se detesto Salvini e più ancora Di Maio, anche se sono lontanissimo dalle loro idee politiche, se quelle politiche facessero il bene del paese sarei il primo a gioirne e ad ammetterlo. Non sono uno sfascista, non mi piace il “tanto peggio, tanto meglio”.

I principi di Goebbels applicati alla comunicazione di M5S e Lega

E’ davvero pazzesco come nel leggere i principi della propaganda di Goebbels si riscontrino similitudini con una certa propaganda della politica italiana e in particolare con quella del Movimento 5 Stelle e della Lega. Ma la cosa più sconcertante è che questa propaganda funziona come a segnalare che la storia purtroppo non ci ha insegnato nulla.

Le sfilate della sinistra sulla Diciotti fanno solo bene a Salvini

Parliamoci chiaro, quello che sta facendo Salvini con la Diciotti è una brutta cosa, a prescindere dal fatto che siano o meno persone che hanno diritto alla protezione internazionale. Non so nemmeno se sia una cosa legale visto che tecnicamente quelle persone sono già sul suolo italiano dato che la nave Diciotti è da considerarsi a tutti gli effetti territorio italiano.

Escalation Israele-Hamas: una brutta pagina di storia per la stampa italiana

Quando una testata all-news come TGCOM 24 titola «Gaza, pioggia di razzi israeliani nella Striscia» invertendo completamente i fattori della notizia non puoi non chiederti chi ci sia dietro a titoli così fuorvianti e se l’errore (orrore) sia deliberato o frutto di semplice incompetenza.

Salvini si assuma la responsabilità politica dell’alleanza con il M5S

E’ arrivato il momento per Matteo Salvini di assumersi la responsabilità politica dell’alleanza con il M5S. La storiella del “non è nel contratto di Governo” per non agire praticamente su nulla non è più accettabile.

Immigrazione: il buonismo, il cattivismo e… il realismo

Ormai tra buonismo e cattivismo sulla immigrazione è scontro all’arma bianca. Sono saltati tutti gli standard del dialogo tra persone intelligenti. Estremisti da un lato e dall’altro si sfidano a suon di post, fake news, meme virali ecc. ecc. Saltano amicizie durate anni, si confondono le ideologie e le religioni. Tutti ringhiano con la bava alla bocca pronti a sostenere con ogni mezzo la loro inopinabile opinione.

Di Maio: la banalità della favoletta grillina

Il ranocchio che si trasforma in principe così come il venditore di bibite che si trasforma in politico di razza. E’ sempre bello credere alle favole, l’importante però è che ci si creda per un attimo e che poi si torni rapidamente alla realtà.

Il miglior alleato di Salvini? La sinistra

Salvini può tranquillamente smettere di fare campagna elettorale, ci pensa la sinistra a farla per lui con iniziative al limite del ridicolo come quella di Rolling Stone o come gli attacchi inconcludenti e fortemente ideologici di certi personaggi che si ergono a giudici morali di chissà quale sinistra.

Per colpa di Salvini sto diventando radical chic

Sotto certi aspetti Salvini mi ricorda Erdogan. Furbissimo a creare sempre un nemico mortale da dare in pasto al popolo affamato di sangue. Oggi, a seconda del momento e dell’evenienza, sono gli immigrati, i Rom, Macron, Saviano, le ONG, Soros, l’Europa, domani chissà a chi toccherà.

1,596FansLike
629FollowersFollow
113FollowersFollow

Ultimi articoli

Sclerosi Multipla: attenti ai ciarlatani e ai venditori di sogni impossibili

Purtroppo mio malgrado sono costretto a tornare su un argomento che ogni volta che lo tratto mi fa salire la pressione a mille: quello...