Franco Londei

Politicamente non schierato. Sostengo chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia

Post navigation

3 Comments

  • Grazie, signor Sharon per aver scritto questo articolo.
    In effetti, questa notizia mi era sfuggita. O forse, piuttosto, non l’ho trovata nelle pagine delle maggiori testate giornalistiche. Bisogna che controllo meglio, per non lanciare accuse inutili.
    In ogni caso, il suo articolo mi ha fatto riflettere (se mai ce ne fosse bisogno, visto che, appena posso durante il giorno accendo il pc e controllo le ANSA per monitorare la situazione di Israele, e non ultimo, visito anche anche R.Reporter) dicevo,il suo articolo mi ha fatto riflettere sull’italica apatia e superficialità. (Mi soffermo sull’Italia, per il momento, sfiorando appena l’Europa nell’insieme).
    Sì, perché se non sbaglio, il governo israeliano è mesi che insiste sul fatto che la ricostruzione di Gaza deve essere legata alla sua smilitarizzazione, mentre i subdoli leader italiani chiedono che l’UE abbia un ruolo più incisivo nella far rispettare il cessate il fuoco nella Striscia. Ma non c’è.
    Una voce mi sussurra all’orecchio che non solo Hamas non sarà disarmato ma che si riarmerà (grazie al nuovo flusso di denaro che sta per rimpinguare le tasche dei capi) perché gli osservatori europei staranno a guardare senza muovere un dito.
    In fin dei conti, come accade oggi per Hezbollah, i leader di tutto il mondo sembrano maggiormente preoccupati di evitare che Israele si difenda piuttosto che essere interessati a disarmare gruppi terroristici islamici che hanno intenzione di combattere, attaccando per primo lo Stato ebraico.
    Piuttosto che affrontare a muso duro Hamas e Hezbollah, i leader europei si acquattano e redarguiscono Israele.
    E passiamo a Hezbollah.
    Nel corso degli ultimi 8 anni, che io sappia, Hezbollah è riuscito a armarsi di tutto punto mentre l’Europa stava a guardare. Ciò che è chiaro, è che i nostri leader non si sono mai veramente impegnati a onorare la lettera e lo spirito delle Risoluzioni 1559, 1680 e 1701 delle Nazioni Unite tutte volte a impedire il riarmo di Hezbollah.
    E allora perché mai, (tornando un momentino su Hamas) ora si dovrebbe confidare nel fatto che essi – i leader europei, riescano a garantire il disarmo di Hamas, o perlomeno a impedire il suo riarmo?
    Israele ha la guerra in casa da 60 anni, ma pochi se ne curano, pochi ci fanno caso e si preoccupano ( parlo in percentuale di popolazione europea).
    E se pochi al mondo se ne curano è perché i media fanno di tutto per tenere la gente comune in una forma di assopimento totale variegato da una buona dose di masochismo che non solo non ci fa comprendere gli abissi del terrore in cui vivono gli abitanti di Israele. Non provoca nemmeno una reazione.
    Anzi, qualche reazione l’ha provocata in verità, visto che molti si sono assurti a paladini della Palestina, svelando in realtà un vero odio verso gli ebrei.
    Quindi, a conti fatti, cosa ne pensa la gente comune sul fatto che oggi poteva essere il giorno della mattanza?
    Baggianate. C’è l’orsa Daniza (con tutto il rispetto per il suo triste destino) e i selfie di Renzi; la riforma del lavoro – che non c’é – e le liti fra i Partiti che si spaccano su provvedimenti che nessuno ha intenzione di intraprendere.
    Tutte cose seria, per carità. Ma se non comprendiamo quanto sia importante la questione Israele, non comprendiamo quanto Tutto-il-Pianeta sia in grave pericolo.
    E la storia ha dimostrato quanto l’Europa non ami gli ebrei. Ad oggi, la combinazione fra il politicamente corretto e il multiculturalismo, uniti agli interessi economici hanno creato quella che viene descritta come “la politica dell’inchino preventivo”. Forse è perché i funzionari europei così facendo, vogliono evitare di attirare cellule dormienti sui loro paesi?
    Tanto, sarà solo questione di tempo. Come dice il poeta siriano al-Azam: o avremo un’Europa islamizzata o un Islam europeizzato.
    Fra i palestinesi chi conta per loro è chi si mette contro Israele. E la questione è: l’Europa non difende se stessa, non vedo perché mai dobbiamo aspettarci che difenda Israele. Purtroppo.
    Eppure, io credo fermamente in una cosa:
    Hamas o Hezbollah, Isis o al-Qaeda non importa chi siano o che cosa pretendono di combinare, perché il loro sogno perverso “non s’ha da fare”.
    I terroristi, che ne siano coscienti o meno, devono capire che Israele è parte di un flusso che avanti da oltre 4000 anni. Una volta da schiavi, e adesso, da uomini liberi, in Israele.
    I carri di Faraone, ancora una volta, saranno sommersi. (non è una frase mia ma di F. Nirenstein, che ho usato perché mi è rimasta impressa nella mente.

Comments are closed.

back to top