Senza categoria

Omosessuali a morte in Uganda: intervenga l’Europa

Domani verrà presentata agli organi governativi ugandesi la nuova legge che in pratica stabilisce la pena di morte per chi verrà riconosciuto omosessuale. E’ l’ennesimo grave atto discriminatorio del governo ugandese verso chi è omosessuale.

uganda_gay_rightsSecondo stime recenti in Uganda vi sono almeno 500.000 omosessuali i quali con la legge attuale rischiano una lunghissima detenzione che può arrivare fino all’ergastolo, una detenzione spesso fatta di gravissime violenze fisiche e sessuali. Da domani chi verrà riconosciuto omosessuale potrà essere messo a morte mentre, secondo la proposta di legge, chi aiuta gli omosessuali a nascondere il loro status o i famigliari di omosessuali che non denunciano i propri congiunti alle autorità rischiano fino a sette anni di carcere.

E’ una legge assurda che rigetta l’Uganda indietro di secoli rispetto ai progressi fatti negli ultimi anni e che rischia di mandare a morte migliaia di persone. Già la situazione degli omosessuali in Uganda è difficilissima ma se passa questa proposta di legge si arriverà a una vera e propria caccia alle streghe.

L’Uganda dipende per buona parte dagli aiuti dell’unione Europea, per questo Secondo Protocollo chiede al Parlamento Europeo di interrompere qualsiasi aiuto diretto al Governo di Kampala fino a quando non verranno completamente rispettati i fondamentali Diritti Umani delle persone omosessuali in Uganda. La richiesta al Parlamento Europeo è stata inoltrata oggi per vie preferenziali dedicate alle organizzazioni no profit. Comprendiamo la necessità di aiutare la popolazione ugandese con progetti di sviluppo, ma riteniamo che il primo punto di qualsiasi sviluppo sostenibile siano i fondamentali Diritti Umani. Per questo, seppur a malincuore, siamo stati costretti a inoltrare la nostra richiesta, almeno per aprire un dibattito sulla opportunità di continuare a sostenere un governo come quello di Yoweri Museveni che così platealmente viola i fondamentali Diritti Umani. Per chi vorrà seguire gli sviluppi di questa incredibile vicenda ed eventualmente intervenire è stato aperto un topic sul nostro forum che rimarrà aperto anche nelle prossime settimane.

Secondo Protocollo

Posted by
Franco Londei

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia

4 Replies to Omosessuali a morte in Uganda: intervenga l’Europa

  1. Semplicemente orribile. E’ assurdo che, sebbene nel cuore dell’Africa, succedano queste cose. Solidarietà al movimento omosessuale ugandese

  2. Come si può ideare una cosa del genere? E’ assurdo, come è assurdo che nessun movimento gay ne parli. Grazie per aver diffuso questa notizia. Ora mi chiedo cosa possiamo fare in realtà per aiutare i nostri fratelli ugandesi.

  3. Ma come si può ordire una cosa simile? E’ di una violenza incredibile, uccidere una persona solo perché diversa da quelli che noi riteniamo essere i giusti canoni. Dobbiamo fermare questa assurdità

  4. Alberto, in effetti i movimenti gay internazionali si sono mobilitati e parecchio. Un po’ meno in Italia, forse perché da noi ci sono problemi di omofobia non certo paragonabili a quelli in Uganda, ma pur sempre seri

Comments are closed.

Tweet
Share
WhatsApp