«Abbiamo fatto l’Italia ora dobbiamo fare gli italiani ». Così diceva Massimo d’Azelio all’indomani dell’unificazione dell’Italia. La frase è importantissima perché delinea in poche parole che fare uno Stato non significa affatto fare un popolo.

Se portiamo questo aforisma ai tempi nostri e lo applichiamo allo Stato palestinese che parecchi vorrebbero veder nascere, vedremo che mai come in questo caso quell’aforisma di d’Azelio è azzeccato. I palestinesi sono tutto fuorché un popolo.

Il termine “popolo palestinese” venne coniato da Yasser Arafat allo scopo di dare legittimità alla Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), un gruppo rimasto per molto tempo inserito tra i “gruppi terroristi”. Fino ad allora il termine “popolo palestinese” non si era mai sentito. Si parlava di abitanti arabi della Palestina oppure di giordani. La Palestina è invece storicamente terra ebraica tanto è vero che quando l’Onu decise di dividere la Palestina tra ebrei e arabi, diede il nome di Israele alla terra attribuita ai primi e di Cisgiordania alla terra attribuita agli arabi. Nessuno parla di Palestina il cui copyright è assolutamente ebraico e non arabo.  Fu proprio Arafat ad appropriarsi ingiustamente del nome “Palestina”, un nome che appartiene agli ebrei e non agli arabi. Questo per dire che, storicamente parlando, mentre è appropriato parlare di “popolo ebraico” non lo è affatto parlare di “popolo palestinese” intendendo gli “arabi di Palestina”.

Chiarito questo punto, formare il cosiddetto stato palestinese non vuol dire affatto dare per scontato che con uno stato si crei anche un popolo. I cosiddetti palestinesi, che noi chiameremo “arabi di Palestina”, non hanno i valori identificativi e storici di un popolo. Un popolo ha una storia, delle tradizioni tramandate da secoli, una terra di riferimento, una lingua, persino una cucina tipica. I Curdi, per esempio, sono un popolo anche se oppresso. Gli egiziani sono un popolo. I persiani (gli attuali iraniani) sono un popolo. Gli ebrei sono un popolo. Non gli arabi di Palestina. Sono arabi che occupano una terra storicamente non loro.

Ciò non toglie che non debbano avere un loro Stato. Certo, non ottenuto con azioni unilaterali come quella che si apprestano a fare e non con l’intenzione dichiarata di distruggere un altro popolo, quello ebraico. Uno stato si costruisce partendo dalla gente che lo rappresenta, cioè da quello che sarà il suo popolo. Nel caso degli arabi di Palestina si agisce esattamente nel modo contrario.

Ecco perché non va fatto l’errore di fare la Palestina prima ancora di fare i palestinesi. Prima di diventare uno Stato essi devono capire l’importanza che ha un fatto del genere, confrontarsi tra di loro e, soprattutto, mettere da parte qualsiasi intenzione bellicosa verso gli altri popoli. Altrimenti creeremo uno Stato terrorista prima ancora di proclamarlo “nazione”.

Si rinunci quindi alla creazione di uno Stato Palestinese se prima non verrà creato un “popolo palestinese”, una entità che rispetti almeno il minimo indispensabile delle regole che fanno dell’unione sociale e pacifica di un agglomerato di persone, un popolo.

Noemi Cabitza

7 comments
  1. non posso che condividere questo articolo. Il problema di base non è tanto creare la Palestina come stato, quanto piuttosto inserirla nel contesto civile globale. E una delle ragioni di questa difficoltà sta proprio nell’enorme bugia creata da Arafat quando volle sostenere (creduto) che i palestinesi o come li ha giustamente definiti l’articolista, gli “arabi di Palestina”, fossero in realtà un popolo. Non lo sono e se continueranno così non lo saranno mai

  2. anche io condivido. con una aggravante: si giustifica l’odio degli arabi palestinesi col fatto che loro ritengono quelle terre di loro proprietà da sempre. FALSO: gli ebrei abitavano e prosperavano in quelle terre già 3500 anni fa e Mosè non fece altro che riportare il suo popolo nella terra natia. E l’esodo verificatosi nel XX secolo verso quelle terre è il coronamento degli ebrei, il loro sogno di tornare nella terra degli avi in una terra che dopo il 70 D.C. è stata occupata dagli arabi locali. E non è stato certo Israele a scatenare la guerra contor gli arabi: fin dal 1948 sono stati gli stessi arabi locali ad attaccare Israele e a minacciare la sua stessa esistenza. Senza contare che lo stato ebraico è l’unico stato veramente democratico del medio oriente, circondato da regimi autocratici pieni di odio verso Israele. I palestinesi sono solo stati ben addomesticati prima da Arafat e poi da Hamas e non hanno mai voluto scendere a patti con Israele creando un vero stato libero per tutti quanti.

  3. fare ricerca cossiga stalin, e proseguire.
    kossiga con una sola intervista diffamò Moro dopo morto per mettere contro italiani, ebrei e palestinesi. testi sono stati pubblicati sul favore di stalin accordato a Israele mentre si trova che la DDR finanziava l’OLP.
    si trova che prima di diventare comunista marx ordì vendetta planetaria contro Dio e le religioni e che apparteneva a setta massonica degenerata al satanismo.
    nella Primavera del 2010 è stata pubblicata matematica che non chiede virgole per misure e calcoli e che facevano dimenticare perché c’era veto planetario TOTALITARIO occulto e sstalin (due s per le ss al suo servizio) con l’inganno ottenne di farla controllare agli stessi nemici.
    si trova che era nascosta perfino nella Bibbia, da cui il delirio di marx, che era matematico.
    nei piani sstalinisti Israele avrebbe dovuto sempre essere circondata da vicini fomentati per impedire che si creassero le condizioni per rinunciare a un vantaggio di conoscenza strategico su cui speculava per mantenere il suo ASSOLUTO ABOMINIO DI MACCHINA DELL’IGNORANZA.
    cadde il muro di Berlino e lo sstalinismo occulto si occultò ulteriormente, poi berlusconi ha avuto accelerazioni autoritarie di stampo addirittura nazistoide ma i metodi sono stati registrati e pubblicamente denunciati come stalinisti e quando ha preso la scena kossiga col suo profilo nazistoide elaboratissimo è bastato chiedere ai motori di ricerca.

    e c’è un fotoquiz: http://liberazioneuniversale.wordpress.com/quiz-foto/

    Conoscenza è Liberazione
    universale
    CèL

  4. Jerry Masslo II CèL – ai complotti ci credo anche io..sono fermamente convinto ad esempio che John Kennedy è impossibile che sia stato ucciso da Oswald, ma da almeno 3 tiratori e quindi esiste un complotto..ma quello che spari tu è veramente fantascienza. Berlusconi un nazistoide? dai retta a quei poveri imbecilli di Di Pietro o Bersani?in altri post ho fatto notare che i veri nazisti oggi sono a sinistra, quelli che odiano Israele e vogliono la sua distruzione; fra cui una certa Angela Lano che era a bordo della Marmaris lo scorso 31 maggio sulla flotilla..ma che poi si venne a sapere che da sempre è una feroce antisemita e addirittura fa propaganda a libri negazionisti dell’olocausto. Ecco, è questa la gente di cui bisogna aver paura,

  5. @Roberto
    credo tu abbia letto di fretta, ho scritto di berlusconismo di stampo nazistoide ma con metodi stalinisti!
    Estate 2010
    ghe pensi mi
    o così elezioni
    barzellette naziste
    citazioni di diari fasulli ad personam di mussolini pubbicati da editore esclusivo che ha dichiarato di non avere mai avuto quelle simpatie
    pubblicità a dispense del terzo reich con omaggio modellino panzer su ETERE PUBBLICO E LIMITATO
    la propaganda di regime era già specialità della casa e nel berlusconismo ciclicamente inveiscono contro nomadi, omosessuali e comunisti, tutti nelle liste dei deportati ai lager
    et altro
    poi ha preso la scena kossiga che godeva quando ne scrivevano il nome con la k e le s runiche e si accompagnava a gelli che era fascista e ufficiale di collegamento coi nazisti che ebbe contatti perfino con goering!

    non ce n’è abbastanza per lo stampo nazistoide? però poi i metodi hanno obbligato a ricerca cossiga stalin!! con esito obbligo di viaggio all’inferno per controllare che non ci fossero generazioni precedenti di nazistalinisti! e c’erano e i peggiori e con corredo di chiesette per le vie di fuga strumentali a mettere contro le religioni.

    qiuindi affermo che berlusconi è tele ducetto fantoccio e pifferaio sotto dettatura occulta dell’ASSOLUTO ABOMINIO DI MACCHINA DELL’IGNORANZA DI sstalin che costruiva nemici e TERRORE per catturare l’amicizia delle stesse vittime e divisa al suo stesso interno in classi d’inganni e ignoranza, obbiettivo primario l’estirpazione delle religioni per il delirio vendicativo di marx intrappolato nelle speculazioni su matematica non di pubblico dominio nascosta perfino nella Bibbia!

    Conoscenza è Liberazione
    universale
    CèL

  6. non mi hai dato una risposta però su tipi come Angela Lano e come mai esiste un fortissimo antisemitismo che viene da sinistra, il che dimostra chi sono i veri nazisti….per quanto riguarda Cossiga con la K come lo chiamava la sinistra sta dimostrando di avere ragione, soprattutto sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980 dove identifica i veri responsabili nell’OLP di Arafat e di cui come sspero saprai stanno aumentando sempre di più le prove, come la presenza di Thomas Kram lo stesso giorno a Bologna, noto terrorista del gruppo Carlos guarda caso legato all’OLP; il fatto che si seppe chiaramente che era entrato in Italia il 1 agosto e non il 31 luglio come si credeva; il capo della polizia Di gennaro che già a fine luglio aveva avvertito della presenza in Italia di Kram; i familiari di Fioravanti mai ascoltati al processo sulla strage che insieme ad altri, erano sicuri nel poter dire che quel giorno era a Roma a casa sua; uno degli accusatori di Fioravanti in carcere che viene dimesso per un grave tumore al pancreas che lo avrebbe stecchito in pochi mesi ma morì 22 anni dopo ma a causa di un altro tumore…
    Insomma, se si ama la verità e si vuole evitare il terrore prima di dare per sicuro un colpevole con poche e vaghe prove prima meglio controllare tutte le possibilità.

  7. @Roberto
    destra e sinistra sono termini truffa, per dividere nettamente in due e impedire dialogo.

    kossiga indossava divisa dc, godeva delle sue sembianze nazistoidi e aveva superlicenza di una superpotenza e commetteva i suoi misfatti per il vantaggio dell’altra e addossare le sue colpe alla prima. controllava tutto e provocò terrorismi e poi era l’unico che li sapeva risolvere e dopo Moro si dimise ma passò un anno e divenne il più giovane presidente del consiglio di sempre come sempre perché aveva il favore di ufficialmente oppositori ma suoi amici nei sotterranei, e dissolse la dc dall’interno, e realizzò maggioranze kossiga kossutta .
    alcuni di sinistra sono antisemiti? dov’è il mistero? l’ASSOLUTO ABOMINIO DI MACCHINA DELL’IGNORANZA DI sstalin (due s per le ss al suo servizio) è anti tutto quello che non sia essa stessa ma non combatteva nessuno frontalmente bensì infiltrava per portare all’errore e fare scontrare gli altri per il suo vantaggio.
    quindi è anche antisemita e al suo interno stesso divisa in classi d’inganni e ignoranza e gli ebrei furono il problema prioritario da controllare perché avevano conoscenze matematiche segrete su cui speculava e necessari per propagandare supremazia d’intelligenza al suo interno e gli ebrei erano sparpagliati per mezzo mondo. non avrebbe potuto invadere una Israele che non c’era, né controllare i sotterranei che non avevano. prima manovrò il nazismo per i suoi scopi e pose il problema dell’esistenza stessa per un intero popolo e poi ottenne di confinarlo circondato da vicini che fomentava. un intero popolo cui è minacciata la stessa esistenza diventa per reazione intollerante e crea nuove vittime per cui è facile che si parteggi.
    non pensare che tutti i comunisti fossero sstalinisti, neanche krusciov si rese conto di dove si trovava e la scienza ingannata e imprigionata da un impero di polizia ne approfittò per dare scadenza a quell’abominio e la figlia di krusciov volle fare visita al Papa e krusciov fu esautorato e nel mondo successe di tutto.

    Conoscenza è Liberazione
    universale
    CèL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts