Senza categoria

Quella strana alleanza antiebraica tra nazisti e comunisti

L’ormai famosissimo autore della lista nera apparsa su Stormfront, tale Costantino, in una intervista al TG.com afferma: «Ammiro tutti i leader che hanno operato per il progresso e per l’indipendenza del proprio popolo: Castro, Chavez, Mossadeq, Nasrallah, Milosevic, Putin, Gheddafi, Saddam Hussein. Tutti leader che sono rimasti a casa loro, senza invadere territori di altri popoli. Tutti leader che non si sono piegati a chi domina il mondo cioè i Sionisti».

Ora, accertato che questo Costantino è un nazista, l’elenco delle persone che dice di ammirare potrebbe essere stato scritto benissimo da uno qualsiasi dei personaggi sinistri (comunisti) che popolano la rete. Ci sono quasi tutti i leader idolatratati dalla sinistra italiana ed europea: Castro, Chavez, Nasrallah, persino Mohammad Mosadeq. A ben vedere mancano Ahmadinejad e Assad e poi il quadro sarebbe completo. Insomma, siamo di fronte al paradosso di un nazista che pensa come un comunista. Oppure sono i cosiddetti comunisti che la pensano come i nazisti? Bel dilemma. Non per niente si parla spesso di nazi-comunisti quando si parla dei nemici di Israele, perché fondamentalmente la pensano esattamente nella stessa maniera.

A unire questi due mondi, solo all’apparenza distanti anni luce, ci ha pensato l’odio comune contro il popolo ebraico. Hanno la stessa medesima ideologia antisemita che portò Hitler e Stalin, un nazista e un comunista, a sterminare milioni di ebrei perché convinti che il popolo ebraico dominasse il mondo e che per questo fossero nemici, “il pericolo”. Anche nelle parole di Costantino si legge questa assurda convinzione, la stessa convinzione che potrete trovare in qualsiasi sito o blog di sinistra o nazi-islamico. A giudicare dalla paranoica ossessione con cui si dicono convinti che “i sionisti governano il mondo” si potrebbe quasi affermare che questi nazi-comunisti soffrano di una sorta di complesso di inferiorità verso il popolo ebraico piuttosto che di un vero e proprio sentimento di odio. Ma non farò questo errore, non sottovaluterò l’odio antisemita che unisce questi due mondi, un odio talmente radicato che li porta a idolatrare assassini seriali e genocidi a patto che si dicano convintamente nemici del popolo ebraico.

E qui torniamo alla domanda delle domande: sono i nazisti che la pensano come i comunisti o è il contrario? A dire il vero conta davvero poco chi sia assimilato all’altro o chi prenda spunto dall’altro, sono della stessa famiglia ma con due bandiere diverse, un po’ come la Ferrari e la Sauber in Formula 1, macchine diverse ma con lo stesso motore.

Sharon Levi

Posted by
Franco Londei

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia

6 Replies to Quella strana alleanza antiebraica tra nazisti e comunisti

  1. Che si può commentare? Niente! Articoletto preciso ed azzeccato, nonchè ottimo spunto di riflessione. Comunque, tutto questo odio sembra originato proprio da una grande invidia, e finchè il popolo ebraico si distinguerà (date un’occhiata alla lista dei premi Nobel per tutte le categorie), sarà sempre preso di mira.

  2. Dovremmo riflettere attentamente su questa “connessione” tra comunismo e nazismo.
    A sentire i comunisti i nazisti sarebbero da cancellare. A sentire i nazisti sarebbero i comunisti a dover essere cancellati.
    MA QUALE E’ LA DIFFERENZA TRA DUE?
    Non c’è alcuna vera differenza. Comunisti e nazisti sono antisemiti, razzisti e vogliosi di cancellare Israele dalla faccia della terra. Per farlo usano gli arabi che non vengono MAI vilipesi nemmeno dai nazisti più acerrimi solo perché funzionali allo scopo (non sono mica negri). I comunisti poi gli arabi gli idolatrano come fossero la soluzione ai problemi del mondo quando invece sono IL PROBLEMA

  3. Ma il nazismo non è una cosa finita nel 1945? E non aveva avuto il nazismo sostanziali rapporti con il sionismo? A me questa roba sembra diffamazione mediatica. Poi cosa significa “ebraico”? È la stessa cosa che “sionista”? E come mai che i “giudei” di Neturei Karta dicono che il sionismo è il nemico del giudaismo? Cancellare Israele? Ma non vi è stata una “pulizia etnica” nel 1948? I vostri testi a chi sono rivolti? A voi stessi per convincere voi stessi dei vostri pregiudizi? O pretendete di convincere chi invece si basa sui fatti e vede la realtà per quella che è? Voi date addosso a quelli di Stormfront per delle sciocchezze ma di “liste nere” non ne fate voi ogni giorno? Quanto sono le persone che in Germania per vostro merito sono in galera per la sola colpa di avere delle opinioni diverse dalle vostre? E sia pure il nazismo quello che raccontate ma in sionismo, Israele, non ha superato il primo in ogni nefandezza?

  4. Ma di quali “diritti umani” state parlando? Quelli dei palestinesi? In realtà questa nozione già ambigua all’origine è finita… (scusate) nel culo di Geddafi, nel momento in cui i paladini della “guerra umanitaria” fatta di bugie più grande dell’Everet hanno letteralmente “sodomizzato” il Tiranno con il quale fino al giorno prima stringevano solenni patti di amicizia… Veramente un mondo assai brutto… A proposito quanto vi paga al giorno l’Hasbara?

  5. Ma chi è questo idiota che si firma “scettico”? Quale mente malata può affermare che il sionismo ha avuto rapporti con il nazismo? L’unico rapporto tra sionisti e nazisti che ricordo è quello avuto da Wiesenthal coi criminali nazisti. E poi, di quale pulizia etnica parla? Certo che i pazzi nazisti sono ovunque . Non sapevo che Secondo Protocollo prendesse fondi dall’Hasbara ma se fosse vero non saranno mai troppi.

  6. In realtà Aaron quello che si firma “scettico” è lo stesso che l’altro giorno si firmava “uno a voi antipatico” (M.E.) e che aveva detto che avrebbe abbandonato la lettura di questo sito. Come puoi notare invece è più forte di lui ed emerge prepotente la simpatia che ha questa persona per certi concetti a dir poco estremisti. Dice addirittura che si prefigura la “diffamazione mediatica”. Se fosse uno con le palle sporgerebbe denuncia invece di stare qui a blaterare e a inventarsi improponibili pulizie etniche o allucinanti collegamenti tra nazismo e sionismo.

Comments are closed.

Tweet
Share
WhatsApp