«La nazione iraniana è impegnata costantemente per la distruzione di Israele fino al totale annientamento dell’entità sionista». A pronunciare queste inequivocabili parole non è stato uno qualunque ma il Capo di Stato Maggiore dell’esercito iraniano, il Gen. Hassan Firouzabadi.

A riferirlo è stata l’agenzia di stampa iraniana FARS la quale ha riportato le parole chiare e nette del Gen. Hassan Firouzabadi, pronunciate durante una riunione dello Stato Maggiore della Difesa tenutasi alla presenza del Grande Ayatollah Alì Khamenei e del Presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, anche se la presenza di quest’ultimo non è stata confermata.

Chissà se anche questa volta l’esercito di ipocriti che sostiene il sanguinario regime iraniano avrà il coraggio di dire che la frase del Gen. Firouzabadi è stata tradotta male come fecero quando Ahmadinejad disse che voleva cancellare Israele dalla faccia della terra.

Il Gen. Hassan Firouzabadi ha ricordato ai suoi sottoposti che il Grande Ayatollah Khamenei considera “un dovere difendere la Palestina” e che per fare questo “è necessario eliminare completamente lo Stato sionista di Israele”. Ha poi confermato che “l’esercito iraniano lavora da anni per raggiungere questo obbiettivo e che la meta è vicina”.

Ora mi piacerebbe sapere come intendono interpretare queste parole i tanti difensori del sanguinario regime iraniano e se anche questa volta parleranno di “incomprensioni”.

E’ più che chiara l’intenzione iraniana di distruggere lo Stato Ebraico di Israele, quindi quando il Premier Benjamin Netanyahu parla di “rischio esistenziale” con riferimento alla minaccia nucleare iraniana, non esagera ma si limita a riportare il pensiero iraniano apertamente espresso più volte. Chissà se queste “parole di pace” espresse dal Gen. Firouzabadi saranno arrivate alle orecchie di Barack Hussein Obama e di Catherine Ashton.

Sarah F.