Se io fossi un filo-palestinese

Molte volte si tende a confondere il termine “filo-palestinese” con il termine “anti-israeliano” il che il più delle volte è la verità. Ma mica dovrebbe essere cosi!!! In realtà chi è veramente filo-palestinese dovrebbe essere tutto fuorché anti-israeliano.

Se io fossi un vero filo-palestinese mi preoccuperei di tutto meno che di Israele. Per esempio, mi chiederei come mai nonostante la Palestina negli ultimi 50 anni sia stata letteralmente sommersa di denaro ancora non si sia riusciti a costruire scuole (tutte gestite dalla UNRWA), ospedali decenti, un sistema di welfare e un sistema di trasporti degno di questo nome. Mi chiederei come mai i palestinesi vivono quasi sulla soglia della povertà nonostante le centinaia di miliardi di dollari elargiti dalla comunità internazionale per il loro sviluppo. Qualsiasi altro Paese sarebbe decollato con tutti quegli aiuti. Perché la Palestina no?

Mi chiederei come mai l’Autorità Nazionale Palestinese ha un presidente non eletto, Mahmud Abbas (alias Abu Mazen) il cui mandato è scaduto nel 2008 e dopo sei anni nessuno ha protestato per quello che è a tutti gli effetti un regime. Mi chiederei come faccia lo stesso Mahmud Abbas a comperarsi scarpe italiane da 25.000 dollari mentre tutto il resto del popolo palestinese deve dipendere dagli aiuti internazionali.

Se fossi un vero filo-palestinese mi chiederei come sia possibile che Gaza sia governata da un gruppo terrorista, Hamas, che è addirittura peggio della ANP, un gruppo che guida la Striscia di Gaza con un sistema mafioso senza alcun rispetto dei fondamentali Diritti Umani. Mi chiederei come mai uno sicuramente non sospettabile di simpatie sioniste com’era Vittorio Arrigoni è stato ammazzato non appena ha provato a contestare Hamas (Vaffanculo Hamas. Vaffanculo Israele. Vaffanculo Fatah. Vaffanculo ONU. Vaffanculo UNWRA. Vaffanculo USA!) e a creare un movimento che andava proprio contro Hamas, il GYBO, di cui si è persa ogni traccia dopo la sua morte (guarda caso).

Ci sono un sacco di domande che si dovrebbero fare i veri filo-palestinesi prima ancora di pensare a Israele. Ma il problema è che il 90% di chi si definisce filo-palestinese è in realtà semplicemente anti-israeliano e dei palestinesi non gliene frega un cazzo.

Questo è (ancora) un mondo libero e ognuno è libero di pensarla come vuole, ma per favore se affermate di essere filo-palestinesi, se vi sta a cuore la sorte della Palestina, fatevele queste domande e magari leggete quello che dice uno dei maggiori attivisti palestinesi per i Diritti Umani, Bassem Eid, lo troverete molto interessante. Se invece siete semplicemente anti-israeliani allora è tutto un altro discorso. Liberissimi di esserlo, per carità, ma non vi nascondete dietro ai Diritti dei Palestinesi. Alla fine io, che sono sionista, sono più filo-palestinese di certi anti-israeliani.