Nella notte di ieri è stato raggiunto un cessate il fuoco tra Israele e i terroristi arabi che in quattro giorni hanno lanciato centinaia di missili sul territorio israeliano ricevendo in risposta una serie di raid mirati da parte dell’aviazione israeliana.

L’accordo è stato raggiunto grazie alla mediazione dell’Egitto (accordo tra Hamas e Jihad Islamica) e la importantissima mediazione della Giordania dove nella serata di ieri e nella notte appena passata inviati israeliani hanno incontrato alcuni altissimi esponenti di Hamas per trovare una soluzione pacifica all’inasprirsi del conflitto.

Il cessate il fuoco sarebbe dovuto partire dalle una di notte (ora di Gerusalemme) della scorsa notte ma già si segnalano diverse violazioni da parte dei terroristi della Jihad Islamica che pure, con la mediazione egiziana, aveva raggiunto un accordo con Hamas in tal senso. Purtroppo questa mattina alle 7,45 un nuovo attacco da parte dei terroristi islamici è stato portato contro la regione di Eshkol. Si spera che sia solo un caso isolato ma si teme che purtroppo la Jihad Islamica continuerà con il suo lancio di missili.

L’accordo tra Israele ed Hamas prevedeva la fine immediata dei raid aerei a condizione che cessassero immediatamente i lanci di missili sul territorio israeliano da parte della Jihad Islamica. Per ora non si segnala alcuna reazione da parte israeliana alla violazione del cessate il fuoco.

Sarah F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts