Certo che questi iraniani sono proprio dei furbacchioni. Riforniscono di missili la Jihad Islamica e Hamas,gli ordinano di lanciarne a decine su Israele e poi cercano di aprire un caso internazionale quando giustamente Israele reagisce.

Ahmadinejad, che di Diritti Umani se ne intende, ha chiesto addirittura un intervento delle grandi organizzazioni per i Diritti Umani (Amnesty International e Human Rights Watch) affinché condannino i “crimini di guerra” commessi da Israele a Gaza cosa che, ci potete scommettere, non tarderanno a fare, magari con qualche falso rapporto inventato di sana pianta come quelli a suo tempo inventati sul Libano.

La strategia di Teheran è talmente chiara che anche un cieco islamista come Barack Obama non può non vederla: aprire un fronte a Gaza per impegnare le forze israeliane così che rimandino l’annunciato attacco alle centrali nucleari iraniane. Se ne parlava ieri sera a Tel Aviv in un incontro tra analisti dedicato all’escalation in corso a Gaza. La strategia usata dalla Jihad Islamica (con il chiaro bene placido di Hamas) è troppo sfrontata per non pensare che cerchino in tutti i modi di provocare una reazione israeliana su vasta scala. Oltre 150 missili sparati in due giorni tra cui diversi di tipo Grad e almeno due Fajr-5, missili di fabbricazione iraniana in grado di raggiungere Tel Aviv, abbattuti per fortuna dal sistema antimissile Iron Dome, sono decisamente troppi per la piccola Jihad Islamica e persino per Hamas.

Gli iraniani sanno poi che questa strategia può contare su un grande sostegno mediatico internazionale. Infatti immediatamente dopo il primo attacco israeliano di risposta al lancio dei missili, è immediatamente partita la solita campagna di disinformazione dei media internazionali, una campagna mai vista per esempio per le stragi di Assad in Siria, per le repressioni in Iran o per gli attacchi turchi in Kurdistan. A Teheran sanno benissimo che i palestinesi, cioè gli arabi che occupano i territori ebraici, sono considerati da tutti una specie di icona antisemita. Poco importa se poi sono sempre loro a cominciare per primi prendendo di mira deliberatamente la popolazione civile. Per gli antisemiti di tutto il mondo, arabi, nazisti, comunisti, nazi-islamici, i “poveri palestinesi” hanno sempre ragione. Chiaro che Teheran ne approfitti.

Ora, se questo continuo lancio di missili non cessa immediatamente, Israele si troverà di fronte a un dilemma di non facile soluzione: attaccare Gaza via terra e risolvere per sempre il problema con il rischio però di dover ulteriormente rallentare (e quindi rinviare) l’attacco all’Iran, oppure limitarsi a colpire per via aerea continuando a preparare lo strike in Iran. E’ chiaro che colpire Teheran vorrebbe dire colpire il mandante, quindi la fonte vera e propria degli attentati, ma eliminare il problema alla base non è la stessa cosa che eliminare Hamas. Non è facile in questi giorni essere a capo di Israele. Il dilemma se aprire un nuovo fronte su Gaza non è di facile soluzione, ma un milione di israeliani sotto assedio sono un po’ troppi perché si sopporti questa situazione per lungo tempo.

Miriam Bolaffi

12 Comments

  1. Goffredo

    Lei parla di “attacco all’Iran” con criminale indifferenza, come se fosse moralmente lecito, oltre che conforme al diritto internazionale, un atto del genere. Si vede che lei discende da esaltati predoni del deserto, come disse Mussolini, convinti di essere il popolo eletto e, pertanto, autorizzati “dall’alto” a compiere qualsiasi nefandezza. La civiltà cristiana dell’Occidente ed il diritto che ne discende sono, per fortuna, un’altra cosa e questo lei non lo potrà mai capire. Quanto alle conseguenze di “missili” palestinesi, mi pare che siano anni che non facciano vittime fra gli israeliani, in compenso lo stillicidio di vittime palestinesi è pressochò quotidiano. Ovvio che per voi si tratta solo di volgari e insignificanti “goym”, per me, occidentale e cristiano, questo è un crimine insopportabile. Altro che farneticazioni sull’Iran!

  2. Goffredo

    Lei parla di “attacco all’Iran” con criminale indifferenza, come se fosse moralmente lecito, oltre che conforme al diritto internazionale, un atto del genere. Si vede che lei discende da esaltati predoni del deserto, come disse Mussolini, convinti di essere il popolo eletto e, pertanto, autorizzati “dall’alto” a compiere qualsiasi nefandezza. La civiltà cristiana dell’Occidente ed il diritto che ne discende sono, per fortuna, un’altra cosa e questo lei non lo potrà mai capire. Quanto alle conseguenze di “missili” palestinesi, mi pare che siano anni che non facciano vittime fra gli israeliani, in compenso lo stillicidio di vittime palestinesi è pressochò quotidiano. Ovvio che per voi si tratta solo di volgari e insignificanti “goym”, per me, occidentale e cristiano, questo è un crimine insopportabile. Altro che farneticazioni sull’Iran!

  3. Franco Londei

    Goffredo, io sono contento che ci siano anche voci “contrarie” che intervengono e come vede non si applica alcuna moderazione, pur tuttavia quello che mi sembra veramente criminale è affermare,, come fa lei parlando dei missili lanciati da Gaza, “mi pare che siano anni che non facciano vittime fra gli israeliani”. Se non li fanno è solo perché gli israeliani hanno imparato a difendersi e 160 missili in poche ore come è avvenuto in questi giorni sono un vero e proprio attacco.
    In merito al “criminale” attacco all’Iran leisi tenga pure lesue opinioni filo-iraniane, per quanto mi riguarda era ora che li avessero spazzati via da un po’

  4. Franco Londei

    Goffredo, io sono contento che ci siano anche voci “contrarie” che intervengono e come vede non si applica alcuna moderazione, pur tuttavia quello che mi sembra veramente criminale è affermare,, come fa lei parlando dei missili lanciati da Gaza, “mi pare che siano anni che non facciano vittime fra gli israeliani”. Se non li fanno è solo perché gli israeliani hanno imparato a difendersi e 160 missili in poche ore come è avvenuto in questi giorni sono un vero e proprio attacco.
    In merito al “criminale” attacco all’Iran leisi tenga pure lesue opinioni filo-iraniane, per quanto mi riguarda era ora che li avessero spazzati via da un po’

  5. criminale è chi difende Ahmadnejad e i terroristi palestinesi che lanciano i missili ogni giorno costringendo milioni di persone a stare nei rifugi. Oppure pensi che tirino sassi con la fionda? Sei un imbecille Goffredo. Scusa ma non trovo altra parola appropriata per definirti

  6. criminale è chi difende Ahmadnejad e i terroristi palestinesi che lanciano i missili ogni giorno costringendo milioni di persone a stare nei rifugi. Oppure pensi che tirino sassi con la fionda? Sei un imbecille Goffredo. Scusa ma non trovo altra parola appropriata per definirti

  7. Ludovico Strambozzi

    > La civiltà cristiana dell’Occidente ed il diritto che ne discende sono,
    > per fortuna, un’altra cosa e questo lei non lo potrà mai capire.
    Il solito nazipapista in preda alla demenza che cita Mussolini e vomita imbecillità.
    Goffredo, lei è insignificande non perché “goy” (lo sono anch’io) ma perché è un idiota.

  8. Ludovico Strambozzi

    > La civiltà cristiana dell’Occidente ed il diritto che ne discende sono,
    > per fortuna, un’altra cosa e questo lei non lo potrà mai capire.
    Il solito nazipapista in preda alla demenza che cita Mussolini e vomita imbecillità.
    Goffredo, lei è insignificande non perché “goy” (lo sono anch’io) ma perché è un idiota.

  9. Finalmente con questo Goffredo, invece che un critico comunista, abbiamo un fascista convinto.
    Temevo infatti che, dopo questi decenni di antifascismo “retorico”, i fascisti duri e puri fossero in via di estinzione, più che altro (o se non altro) per l’usura del tempo!
    E invece no, sono vivi e vegeti (almeno quelli “cristiani”) salgono in cattedra e ci spiegano che “la civiltà cristiana dell’Occidente e il diritto che ne discende” sono di fatto… il fascismo senile del 1938!
    Pronti ad allearsi col diavolo, pur di dare addosso agli Ebrei!
    Sembra che per costui l'”occidentalità” si misuri con l’antigiudaismo e con il conseguente affetto e attaccamento per quegli islamici,che odiano gli ebrei. Tanto più se bellicosi e lanciatori di missili, anche se “purtroppo” a volte “artigianali” e imprecisi.
    E tutto questo addirittura per amore dell’ Occidente!
    Ma allora lo spettro dell’Occidente demoplutocratico che fine ha fatto, é andato in prescrizione?
    Oppure é stato sostituito in tutto dal Sionismo?
    Le domande,come al solito, servono per capire e orientarsi.
    P.S. Cara Ester (permettimi il “cara”), al posto tuo non mi scuserei con il “cristiano” Goffredo, che non sa di cosa parla. Io al massimo lo potrei perdonare, se ne fossi capace.

  10. Finalmente con questo Goffredo, invece che un critico comunista, abbiamo un fascista convinto.
    Temevo infatti che, dopo questi decenni di antifascismo “retorico”, i fascisti duri e puri fossero in via di estinzione, più che altro (o se non altro) per l’usura del tempo!
    E invece no, sono vivi e vegeti (almeno quelli “cristiani”) salgono in cattedra e ci spiegano che “la civiltà cristiana dell’Occidente e il diritto che ne discende” sono di fatto… il fascismo senile del 1938!
    Pronti ad allearsi col diavolo, pur di dare addosso agli Ebrei!
    Sembra che per costui l'”occidentalità” si misuri con l’antigiudaismo e con il conseguente affetto e attaccamento per quegli islamici,che odiano gli ebrei. Tanto più se bellicosi e lanciatori di missili, anche se “purtroppo” a volte “artigianali” e imprecisi.
    E tutto questo addirittura per amore dell’ Occidente!
    Ma allora lo spettro dell’Occidente demoplutocratico che fine ha fatto, é andato in prescrizione?
    Oppure é stato sostituito in tutto dal Sionismo?
    Le domande,come al solito, servono per capire e orientarsi.
    P.S. Cara Ester (permettimi il “cara”), al posto tuo non mi scuserei con il “cristiano” Goffredo, che non sa di cosa parla. Io al massimo lo potrei perdonare, se ne fossi capace.

  11. Pingback: Per il terrorismo palestinese raggiungere un accordo per il cessate il fuoco non significa nulla | Focus On Israel

  12. Pingback: Per il terrorismo palestinese raggiungere un accordo per il cessate il fuoco non significa nulla | Focus On Israel